SAN ROCCO di Acquaro

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
  • image
  • Immagginette antiche donate dal sig.
  • image

L’appestata infetta gente,
nel cammino che incontrasti,
con la Croce che adorasti,
risanata in tutto fu.

 

NOVENA

E-mail Stampa PDF

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

Amen.

 

I. - O glorioso S. Rocco, che fin dal seno materno meritaste

da Dio la somma grazia di portare impressa sul petto una

sanguigna croce, segno della vostra potenza contro il nemico

infernale e di un valore non ordinario sotto lo stendardo della

Cristiana Religione, concedete a noi vostri servi e devoti la

fortezza ed il coraggio necessario per combattere i nostri

capitali nemici, che continuamente ci assalgono per rapirci

l’eterno premio a noi servato nel cielo.

 

Padre, Ave e Gloria.

 

Salve, o Rocco, salve, o Santo,

cui diè Dio virtù celeste

per abbatter della peste

l’ostinato e rio furor.

SI RIPETE: Salve, o Rocco, ecc.

 

II. – O glorioso S. Rocco, che fin dalla fanciullezza dimostraste

una tenera e costante devozione verso la grande Madre

di Dio, nostra Avvocata otteneteci un verace ed amoroso

attaccamento alla SS. Vergine, nostra pietosa Madre, onde

assistiti come Voi da sì potente Regina, ci manteniamo illesi

dal peccato e meritiamo così di venire a goderla insieme aVoi nel Paradiso.

 

Padre, Ave e Gloria.

 

Croce rossa sul tuo petto

fin dal nascere scolpita

mostrò appien che la tua vita

imitar dovea Gesù

Salve, o Rocco, ecc.

III. – O glorioso S. Rocco, che ad imitazione del Divino

Maestro, dimostraste un totale distacco da questo mondo

ed una singolare umiltà sino al punto di rinunziare al

principato in favore di vostro zio e cambiare le ricche e

splendide vesti di principe in quelle di un povero pellegrino,

otteneteci una profonda umiltà e il totale distacco da quanto

ingannevolmente ci offre il mondo, affinché, imitando Voi

qui in terra, possiamo poi meritare di godere Iddio insieme

con Voi in cielo.

 

Padre, Ave e Gloria.

 

Tu spendesti infatti i giorni

Del fuggir attento il vizio

Nel durissimo esercizio

D’ammirabili virtù

Salve, o Rocco, ecc.

IV. – O glorioso S. Rocco, nel cui seno arse la più viva fiammadi carità verso il prossimo,

per quello zelo, con cui aiutaste

e guariste gli appestati, salvandoli al semplice segno della

Croce, ottenete a noi vostri servi e devoti la liberazione delle

infermità spirituali e corporali, tante volte da noi meritate per

i nostri peccati.

Padre, Ave e Gloria

 

Le virtù teologali:

viva Fè, Speranza, Amore,

accendevano il tuo cuore

sollevandolo al Signore.

Salve, o Rocco, ecc.

V. – O glorioso S. Rocco, nel cui cuore sempre più crebbe

la fiamma ardentissima dell’amore verso Dio e verso il

prossimo, otteneteci un vivo e sincero amore verso il Signore

e la vera carità col nostro prossimo, onde possiamo ricevere

il premio eterno del cielo.

 

Padre, Ave e Gloria

 

Casto, umil, sincero e pio,

sprezzator del mondo insano,

che al Tuo cuor offriva invano

lusinghiere vanità.

Salve, o Rocco, ecc.

VI. – O glorioso S. Rocco, che dimostraste una fermezza senza esempio

ed una inesprimibile pazienza nel tollerare

la peste, impetrate a noi vostri servi e devoti la fortezza

necessaria a soffrire tutti i mali e le tribolazioni da cui siamo

circondati in questa valle di lacrime, onde, esercitati dai

patimenti di questa vita, possiamo essere tutti di Dio nella

vita, nella morte e nell’eternità.

 

Padre, Ave e Gloria

 

Gran nemico del Tuo corpo

Che al patire assoggettasti,

cui nemico ognor negasti

anche il minimo piacer.

Salve, o Rocco, ecc.

VII. – O glorioso S. Rocco, che dimostraste sempre la più

cieca e perfetta obbedienza agli ordini ed inviti celesti,

impetrate a noi vostri servi e devoti la pronta ed esatta

obbedienza alle divine chiamate, e così abbandonando il

peccato ed ogni cosa mondana, possiamo conseguire la santa

perseveranza finale e la vita eterna.

 

Padre Ave e Gloria

 

Tu lasciasti i genitori,

l’onestà, l’onore, gli amici,

per soccorrer gli infelici

con invitta carità.

Salve, o Rocco, ecc.

VIII. – O glorioso S. Rocco, che, ritornato appena, secondo

l’ordine divino, nel patrio suolo, soffriste le più gravi

umiliazioni ed i più crudeli tormenti venendo rinchiuso in

un’oscura e orrenda prigione per cinque anni come spia,

persona equivoca e sospetta, intercedete a noi vostri servi e

devoti la fortezza e la pazienza necessaria a tollerare tutti i

mali di questa vita in espiazione dei nostri molti peccati, che

di cuore aborriamo e detestiamo.

 

Padre, Ave e Gloria

 

L’appestata infetta gente,

nel cammino che incontrasti,

con la Croce che adorasti,

risanata in tutto fu.

Salve, o Rocco, ecc.

 

IX. – O glorioso S. Rocco, che per la perfetta rassegnazione,

obbedienza, umiltà ed uniformità ai divini voleri meritaste il

godimento dell’eterna gloria nel cielo, ottenete a noi vostri

servi e devoti, una esatta osservanza della divina legge,

onde all’ombra del vostro valevole patrocinio, preservati nel

mondo dal peccato e da ogni male, soprattutto dal contagio

di pestilenze, possiamo poi meritare, come voi, la corona di

gloria nel Paradiso. Così sia.

 

Padre, Ave e Gloria

 

Or cheOr che in ciel beato sei,

per noi spiega eguale impegno,

placa Tu di Dio lo sdegno

e il contagio finirà.

Salve, o Rocco, ecc.

 

 

Statistiche

OS :
PHP : 5.6.40
MySQL : 5.6.33-log
Ora : 00:35
Caching : Disattivato
GZIP : Disattivato
Utenti : 808
Contenuti : 59
Link web : 6
Tot. visite contenuti : 110864

Carrello

 x 
Carrello vuoto

Web Designer Santuariuo di San Rocco di Acquaro di Cosoleto